Il misterioso caso dei video spariti da YouTube

8 10 2007

.

Il caso è già stato risolto. E’ stata la Rai a richiedere la cancellazione dei video in forza del copyright. La Rai ha registrato un proprio account su YouTube. Molti video con interviste a politici sono stati cancellati. E’ stato cancellato anche il video di Polito “è impossibile applicare tutto, ci son 280 pagine“.
E’ una cosa su cui riflettere.

L’informazione sta diventando un monopolio. Ci sono gli Organi di Informazione preposti a diffonderla. E poi ci sono gli altri: i bloggers, considerati indistinte voci perse nel caotico marasma della Rete.
Gli Organi di Informazione rivendicano il loro ruolo, si propongono come paladini della Verità. Sono gli storici del nostro presente. Decidono cosa archiviare. Decidono che impressione avremo di questi giorni fra 20 anni andando a rileggere i giornali, a rivedere i video dei TG.
La tecnologia sta stravolgendo il flusso delle informazioni. Oggi l’informazione può essere fatta da tutti, basta una connessione Internet. Nella rete blog, siti, forum diffondono notizie ancor prima delle testate dei TG. Vengono trattati argomenti che gli organi di stampa, controllati dalla politica e dalla pubblicità, trascurano. Si sta formando una cultura in Rete, una società che sa proporre e scegliere contenuti. Una società che utilizza la Rete come strumento di sensibilizzazione, attivismo, critica.

La condivisione dei video è informazione. E’ memoria. E’ uno strumento per non dimenticare.

La Rai aveva il diritto di chiedere la cancellazione di quei video dato che ne detiene il copyright. La soluzione non è gridare all’ingiustizia. La soluzione è pretendere che siano gli abbonati Rai a decidere sulla fruizione dei contenuti. Contenuti già pagati con il canone. Il servizio pubblico è un servizio ai cittadini, è dei cittacini. La Rai viene ammministrata per conto dei suoi abbonati. Deve funzionare bene per gli abbonati.
E perciò dobbiamo poter usufruire dei contenuti nel modo migliore possibile. Caricare su YouTube video protetti da copyright non è legale. La Rai deve permettere la pubblicazione dei video senza scopo di lucro. Esistono modi per farlo. Ad esempio rilasciando le registrazioni sotto CreativeCommons.

Vota questo post: OkNO – OKNOTIZIE


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: