Il bamboccione di Montecitorio

6 10 2007

del nostro collaboratore er_Pulio

“Bambini, oggi facciamo il problema” dice la maestra minacciosa alla classe di poveri alunni grembiulati di 10 anni (futuri bamboccioni).
“Il problema è questo: Mario, 27 anni, guadagna 800 euro al mese, e decide di andare via di casa.
Se affitta una stanza, bagno e cucina a 700 euro al mese in periferia, 50 euro per l’abbonamento per i mezzi (poiché la macchina non può permettersela…ndr), altri 50 euro al mese per telefono e cellulare e, volendo far finta che non vi siano altre spese per il non più oramai bamboccione Mario, la domanda è: quanto rimane al suddetto Mario per mangiare, e magari permettersi una volta ogni taaaaaaaaaaanto di offrire una birra alla sua ragazza?”
Un bambino allora, con la franchezza e l’ingenuità dell’infanzia, si alza e dice: “Ma Maestra, così Mario non mangia!!!”

Ebbene sì, anche il bambino di 10 anni si è accorto che Mario così, non poteva mangiare.
Ma Mario, a quanto pare, avrebbe fatto di tutto per non sentirsi un bamboccione e un peso per la sua famiglia, tant’ è che è uscito di casa con il rischio di crepare di fame…

Allora, visto che Mario ce l’ha fatta con 800 euro al mese ad uscire di casa, nonostante ora mangi alla Caritas, magari sarebbe il caso che il simpaticone di Padoa Schioppa (che scommetto, a parte lo stipendio da Onorevole, guadagni molto più di 800 euro) faccia le valige ed esca di casa, e che la smetta di campare con i soldi di mamma Italia, e si cerchi una stanza, bagno e cucina…